Condizioni e termini generali 2017-10-21T20:08:40+00:00

Condizioni Commerciali Generali (AGB)

SCHAKO Klima-Luft Ferdinand Schad KG

I. Ambito di applicazione

Le presenti condizioni commerciali si applicano a tutti i contratti stipulati fra l’acquirente/ordinante e SCHAKO KG relativi alla produzione e alla fornitura di merci. Si applicano anche a tutti i rapporti commerciali futuri, anche se non dovessero essere rinegoziati espressamente. SCHAKO non ritiene vincolanti condizioni diverse dell’acquirente/ordinante, ad es. condizioni di acquisto, non espressamente riconosciute per iscritto da SCHAKO, neanche se non espressamente rifiutate. Le condizioni seguenti si applicano anche se pur essendo a conoscenza di condizioni contrapposte o diverse dell’acquirente/ordinante, SCHAKO si riserva di evadere l’ordine. Fondamentalmente, tutti gli accordi fra SCHAKO e il cliente vengono riportati per iscritto e il cliente riceve una conferma d’ordine. Le offerte di SCHAKO sono destinate esclusivamente a utenti commerciali ai sensi dell’§ 14 BGB (codice civile tedesco).

II. Ordine e accettazione

Gli ordini nascono con la conferma d’ordine scritta di SCHAKO o con l’evasione di un ordine facendo riferimento alle presenti condizioni commerciali generali, disponibili anche nel listino prezzi o su Internet (www.schako.de) e che verranno inviate al cliente dietro richiesta. SCHAKO è vincolata alle offerte per quattro settimane. Dopodiché, le offerte non sono più vincolanti. SCHAKO si riserva di apportare modifiche costruttive o di forma a seguito di miglioramenti tecnici o di modifica dei requisiti di legge durante i termini di consegna, a patto che l’oggetto della fornitura non risulti modificato in modo significativo e l’ordinante consideri ragionevoli tali modifiche. Queste modifiche non modificano l’idoneità dell’oggetto della fornitura. Raccomandazioni, consigli e accordi verbali non sono considerati nelle offerte. Queste sono vincolanti e valide solo se confermate per iscritto da SCHAKO. Tutte le immagini, schemi, progetti, disegni, proposte di vendita, dati tecnici, cataloghi e prospetti anche su supporto elettronico o trasmessi elettronicamente ricadono nella proprietà intellettuale e nel copyright di Schako. Sono vietate, punibili per legge e soggette a risarcimento danni e al risarcimento delle spese le riproduzioni o la divulgazione a terzi senza il consenso di SCHAKO. Ciò vale in particolare per i progetti e le progettazioni create da SCHAKO. Le dimensioni sono valori approssimativi, a meno che nell’offerta o nella descrizione del prodotto siano definite vincolanti. Le indicazioni ai sensi delle ISO, DIN, VDI ecc. e relative alla qualità e all’idoneità sono vincolanti solo se pubblicate da SCHAKO ed è SCHAKO che vi fa riferimento. Con la commessa, il cliente dichiara in modo vincolante di acquistare l’oggetto della fornitura. Le commesse possono essere inviate a SCHAKO su carta o in formato elettronico. Le conferme di ricezione non sono conferme d’ordine e non costituiscono un’accettazione vincolante della commessa.

III. Termini di consegna, ritardo nell’accettazione, spese di annullamento

Il termine di consegna decorre dall’invio della conferma d’ordine di SCHAKO, tuttavia non prima della presentazione della documentazione, approvazioni, concessioni ecc. a cura dell’ordinante e non prima della ricezione dell’acconto eventualmente concordato. Si intende rispettato se entro la sua scadenza la merce ha lasciato lo stabilimento o se è stata comunicata la disponibilità alla consegna. Le transazioni just in time o fisse sono valide solo in presenza di accordo separato e di conferma scritta di SCHAKO. Il termine di consegna è soggetto alla puntualità degli approvvigionamenti a SCHAKO e viene prorogato in caso di provvedimenti nell’ambito di lotte dei lavoratori, in particolare scioperi e picchetti, oppure se si verificano ostacoli imprevisti al di fuori del controllo di SCHAKO quali guasti, ritardi nella consegna dei materiali necessari e in generale tutti gli ostacoli che influiscono sulla consegna dell’oggetto della fornitura. Ciò si applica anche se questi eventi sono subiti dai fornitori di SCHAKO. Gli eventi riportati sopra non ricadono nella responsabilità di SCHAKO neanche se sopravvengono durante un ritardo già in corso. Nei casi importanti, SCHAKO comunicherà tempestivamente all’ordinante l’inizio e la fine di tali eventi ostacolanti. Se l’ordinante subisce un danno derivante da un ritardo imputabile a SCHAKO ma non vi sono premeditazione o negligenza grave o se SCHAKO è impossibilitata a fornire la prestazione, la sanzione contrattuale per ogni settimana completata del ritardo ammonta allo 0,5% e non potrà superare il 5% del prezzo della parte di fornitura che non è stata potuta essere messa in esercizio a causa del ritardo. Ulteriori diritti dell’ordinante di richiedere risarcimento danni per ritardi di consegna, nonché diritti di risarcimento danni che sostituiscono la fornitura che vanno oltre quanto definito nel paragrafo precedente, sono esclusi in tutti i casi di ritardo nella consegna anche dopo la scadenza di un termine fissato dal fornitore. Se la consegna viene ritardata per richiesta dell’ordinante, gli verranno richieste le spese di immagazzinaggio dal giorno della comunicazione di disponibilità alla consegna, pari almeno all’1% dell’importo fatturato per ogni mese. Le parti hanno il diritto di dimostrare che queste spese sono inferiori o superiori. Se l’ordinante ritarda nell’accettazione della merce, SCHAKO ha il diritto di disporre diversamente dell’oggetto della fornitura dopo aver fissato un ulteriore termine non rispettato. Le merci per le quali è stata fornita comunicazione di disponibilità alla consegna, anche forniture o quantitativi parziali, devono essere richieste e accettate senza ritardi dell’ordinante. In caso contrario, SCHAKO ha il diritto di inviare la merce all’ordinante o di immagazzinarla, a sua discrezione, a spese e rischio dell’ordinante e di mettergli in conto immediatamente i servizi prestati. In questo caso e negli altri casi, è SCHAKO a determinare la via, il mezzo di spedizione e lo spedizioniere, a meno che non vi siano accordi in merito. Se l’ordinante recede da un ordine senza motivo, SCHAKO ha il diritto di richiedere il 10% del valore dell’ordine per le spese amministrative di evasione dell’ordine sostenute e per il mancato guadagno. Fatte salve ulteriori richieste di risarcimento danni. Fatta salva la possibilità dell’ordinante di dimostrare di aver causato un danno inferiore.

IV. Prezzi, imballaggio, pagamento

I prezzi sono espressi in euro, in mancanza di accordi particolari si intendono franco fabbrica, imballo, spese di spedizione e scarico esclusi, al netto dell’IVA applicabile e vigente. Gli imballi sono contabilizzati come costi di produzione. I prezzi indicati sono vincolanti fino all’uscita dei nuovi listini prezzi. Gli acconti sono soggetti al versamento dell’IVA, ai sensi della legge sull’imposta sul valore aggiunto. I prezzi indicati sono quelli validi al momento della stipula del contratto. Se sopravvengono variazioni delle spese per terzi o dei fattori di costo fondamentali, ad es. gli stipendi, prima del termine di consegna concordato, SCHAKO ha il diritto di adeguare il prezzo con dichiarazione unilaterale. I pagamenti devono essere versati senza detrazioni e senza spese, salvo concordato diversamente. SCHAKO concede il 2% di sconto per i pagamenti versati entro 10 giorni dalla data della fattura. In caso di mancato pagamento entro 30 giorni dopo la disponibilità alla consegna/spedizione/consegna ed emissione fattura, l’ordinante è in mora ed è obbligato a pagare gli interessi di mora ai sensi dell’§ 288 BGB. Il pagamento mediante assegni o cambiali si intende effettuato all’incasso del pagamento. Il pagamento mediante cambiali richiede sempre un accordo scritto con SCHAKO. All’accettazione delle cambiali, vengono subito calcolate le spese bancarie di sconto e di incasso e queste devono essere versate anticipatamente. Il pagamento tramite cambiali non è una dilazione di pagamento. SCHAKO si riserva il diritto di richiedere in qualsiasi momento il pagamento in contanti dietro restituzione della cambiale. In caso di sospensione dei pagamenti, insolvenza, ritardo, protesto di assegni o di cambiali, tutte le fatture relative alla relazione commerciale in questione vanno in scadenza immediata e gli sconti vengono annullati. SCHAKO ha inoltre la facoltà di trattenere tutte le forniture successive e di consegnarle solo dietro pagamento anticipato. Lo stesso vale in presenza di condizioni che fanno ritenere minacciata la solvibilità dell’ordinante, che è presupposto fondamentale dell’obbligo di fornitura da parte di SCHAKO (esecuzioni forzate, richieste di procedure d’insolvenza ecc.). In tutti questi casi, SCHAKO ha la facoltà di recedere dal contratto senza che l’ordinante possa rivendicare diritti. Per questi casi, l’ordinante accetta il diritto di SCHAKO di recuperare la merce soggetta a riservato dominio.

V. Accettazione, passaggio del rischio

L’ordinante è obbligato a prendere in consegna la merce. In mancanza di accordi diversi, la consegna viene effettuata nello stabilimento di consegna. Negli acquisti per corrispondenza, la merce viene imballata secondo le consuetudini del mercato. Il rischio passa all’ordinante alla consegna allo spedizioniere o al trasportatore, oppure alle persone incaricate della spedizione. Se l’ordinante non è imprenditore, il rischio passa al momento della consegna al cliente. Non esiste diritto a richiedere consegne al prezzo minimo. Su richiesta, la merce può essere assicurata contro i rischi di rottura, incendio, furto e danni da trasporto, dietro pagamento del relativo costo dell’assicurazione. Il ritardo nell’accettazione e il rifiuto a fornire le prestazioni equivalgono a una consegna effettuata

VI. Obblighi di segnalazione dei difetti e di verifica

L’ordinante ha diritto di controllare l’oggetto della fornitura entro 5 giorni dalla ricezione della comunicazione di disponibilità alla consegna o di altre comunicazioni rese al luogo di consegna. Il reparto produzione di SCHAKO spedisce solo merce senza difetti e controllata. La merce consegnata deve essere ispezionata alla consegna per verificare la presenza di eventuali danni. Il recapito al luogo di destinazione è equiparabile alla consegna. I difetti devono essere segnalati e descritti dettagliatamente entro 5 giorni lavorativi con lettera o e-mail. A SCHAKO deve essere consentito il controllo tempestivo dei reclami. L’obbligo di ispezione copre, oltre all’accertamento visivo di danni da trasporto, anche prove funzionali di tutti i componenti meccanici, comprese le guarnizioni. I difetti riconoscibili non possono essere reclamati e riconosciuti in un secondo tempo come difetti nascosti. Se l’ordinante non svolge l’ispezione entro i termini summenzionati ma adegua o installa il prodotto in un edificio, perde qualsiasi diritto di garanzia. Lo stesso vale se manipola l’oggetto della fornitura. L’ordinante è obbligato a conservare gli oggetti della fornitura in luogo asciutto e protetto dai danni fino al completo pagamento e prima di utilizzarli adattandoli, elaborandoli o installandoli. Deve garantire che i prodotti vengano utilizzati in conformità a tutte le norme relative all’omologazione e alle prove, alle istruzioni di montaggio e a tutte le regole dell’artigianato. In caso contrario, perderà tutti i diritti di garanzia e avrà l’obbligo di liberare SCHAKO da eventuali rivendicazioni di terzi.

VII. Compensazioni, diritti di ritenzione

ll diritto di compensazione sussiste solo se le rivendicazioni sono state confermate in giudizio o se SCHAKO le ha riconosciute per iscritto. I diritti di ritenzione possono essere fatti valere solo se le contropretese sono riferite allo stesso ordine.

VIII. Riservato dominio

SCHAKO si riserva la proprietà degli oggetti della fornitura fino al completo pagamento e per le relazioni commerciali in corso fino al saldo di tutti i crediti. Se l’ordinante viola il contratto, in particolare ritardando i pagamenti, SCHAKO ha il diritto di ritirare la merce dopo diffida e l’ordinante è obbligato a riconsegnarla. L’esercizio del riservato dominio e la concessione in pegno degli oggetti della fornitura da parte nostra non sono da considerarsi una recessione dal contratto se gli articoli della legge sul credito al consumo non trovano applicazione o se il cliente non è imprenditore. L’ordinante è obbligato a trattare con cura la merce soggetta a riservato dominio e a comunicare a SCHAKO per iscritto qualsiasi danno, spostamento o cambiamento della proprietà, distruzione, accessi di terzi intenzionali o eseguiti, aperture di procedure di insolvenza indicando anche tutti i dati necessari per la difesa legale. Non può né concederla in pegno né in garanzia. Gli ufficiali giudiziari e i terzi devono essere avvertiti che SCHAKO è proprietaria della merce. L’ordinante deve anche comunicare tempestivamente a SCHAKO qualsiasi pignoramento o esecuzione forzata, come anche altri provvedimenti di terzi, mettendo a disposizione di SCHAKO tutte le informazioni e i documenti necessari a difendere i suoi diritti. In caso di violazione contrattuale dell’ordinante, SCHAKO ha il diritto di ritirare la merce soggetta a riservato dominio e richiedere risarcimento danni. Per le imprese, le persone di diritto pubblico o i beni pubblici si applica inoltre quanto segue: l’ordinante ha il diritto di rivendere gli oggetti della fornitura sui normali canali commerciali ma da adesso cede tutti i suoi crediti di importo pari al prezzo di acquisto concordato fra SCHAKO e l’ordinante stesso, IVA compresa, maturati a seguito della rivendita (anche per contratti d’opera) indipendentemente dal fatto che tali oggetti della fornitura siano venduti come prodotti lavorati o non lavorati. Dopo la cessione di tali crediti, l’ordinante ha il diritto di riscuoterli fino a nostra revoca di SCHAKO. Fatto salva la facoltà SCHAKO di divulgare l’esistenza di tali crediti e di riscuoterli. Se l’ordinante negozia un divieto di cessione o accetta un divieto di cessione deve darne tempestiva comunicazione a SCHAKO. In questi casi, non può disporre della merce senza l’assenso di SCHAKO. SCHAKO si impegna a non riscuotere i crediti fino a quando l’ordinante ottempera puntualmente alle sue scadenze di pagamento. Nel caso, può pretendere che l’ordinante comunichi i crediti ceduti e i propri debitori, che comunichi tutti i dati necessari all’incasso, che consegni la relativa documentazione, che comunichi la cessione ai terzi debitori e che li istruisca di inviare i pagamenti a SCHAKO. La lavorazione o la trasformazione delle merci da parte dell’ordinante viene sempre svolta per SCHAKO. Se gli oggetti della fornitura vengono lavorati insieme ad altri oggetti non appartenenti a SCHAKO, SCHAKO acquisirà la comproprietà dei nuovi prodotti proporzionalmente al valore degli oggetti della fornitura rispetto agli altri prodotti lavorati al momento della lavorazione. Se gli oggetti della fornitura vengono mescolati in modo indivisibile con altri prodotti non appartenenti a SCHAKO, SCHAKO acquisirà la comproprietà del nuovo prodotto proporzionalmente al valore degli oggetti della fornitura rispetto agli altri prodotti mescolati. L’ordinante tutela la comproprietà di SCHAKO. Queste riserve devono essere indicate prima della stipula del contratto al committente che intende avvalersi di un divieto di cessione con l’ulteriore riserva del diritto di alienazione di SCHAKO in caso di mancato pagamento. All’ordinante è fatto divieto di cedere a terzi i propri diritti nei confronti del proprio commissionario nell’ambito sopra esposto. In caso di cessione globale, dichiara di annullare la cessione proporzionalmente ai diritti di SCHAKO e istruisce il cessionario globale di versare a SCHAKO il corrispettivo della merce in riservato dominio. L’ordinante non ha il diritto di disporre della merce in riservato dominio per vendite o concederla ad aziende collegate. Gli oggetti della fornitura non possono né essere concessi in pegno né in garanzia. Le violazioni sono punibili dalla legge. SCHAKO si impegna a liberare le garanzie dietro richiesta laddove queste superino il valore dei crediti da garantire non ancora saldati di oltre il 20%. SCHAKO ha il diritto di riprendere la merce in riservato dominio se l’acquirente viola i propri obblighi. Ciò non assume il significato di recesso dal contratto. SCHAKO ha il diritto di utilizzare l’oggetto concesso in garanzia a fronte del prezzo di acquisto dovuto. SCHAKO dispone in ogni caso di diritti di creditore privilegiato in caso di insolvenza del debitore sul merce soggetta a riservato dominio riconosciuta dal debitore.

IX. Garanzia, violazione contrattuale, responsabilità

Per rivendicazioni basate su difetti di materiale o di produzione, concediamo, per 2 anni dalla consegna, a nostra discrezione ed escludendo qualunque risarcimento che vada oltre (ad es. risarcimenti delle spese per lo smontaggio e il rimontaggio ecc.) la sostituzione con consegna gratuita nel caso ci venga reso l´apparecchio difettoso, oppure riparazione presso il cliente. Non rispondiamo per i danni riconducibili a eventi verificatisi dopo il passaggio del rischio, in particolare per i danni dovuti a stoccaggio non adeguato (a temperature non comprese fra i 10 e i 50 gradi Celsius o con umidità relativa superiore al 70%), utilizzo non corretto o non conforme del prodotto, montaggio, messa in esercizio e manutenzione  non corretti e neppure per la normale usura dell´apparecchio, per danni dovuti a vapore, acqua marina, ambienti chimici, elettrici o elettrochimici, sovraccarico, utilizzo di accessori o pezzi di ricambio non idonei, collegamento con pezzi o sistemi di altri produttori, interventi di qualsiasi tipo che modificano l´idoneità dell´apparecchio all´uso previsto ecc. L´utilizzo conforme alla destinazione d´uso si evince unicamente dalla nostra descrizione del prodotto, oppure da un´assicurazione di idoneità contenuta nella conferma d´ordine. La merce contestata o i pezzi da sostituire devono essere inviati a SCHAKO gratuitamente, affinché SCHAKO possa controllarla ed eventualmente farla riparare o sostituire. Se una riparazione non ha esito positivo e/o non è possibile consegnare una fornitura sostitutiva, il cliente ha diritto a recedere dal contratto con annullamento delle garanzie reciproche. I diritti al risarcimento dei danni e dei danni consequenziali sono esclusi, a meno che non vi sia premeditazione o negligenza grave. L’onere della prova è a carico del cliente. Per i prodotti esterni o per i danni riconducibili a questi, la garanzia concessa da SCHAKO risulta proporzionalmente limitata. In questo caso, SCHAKO viene liberata dai propri obblighi e di cedere le rivendicazioni contro il fornitore al cliente. Il cliente non può cedere diritti di rivendicazione per garanzia e responsabilità prodotto. Una tale cessione sarebbe invalida. Per i servomotori elettrici e pneumatici e i comandi si applicano esclusivamente le direttive VDE e VDMA. Gli intervalli di manutenzione devono essere rispettati. Si escludono diritti di risarcimento danni per reati a meno che il danno sia stato causato intenzionalmente o con negligenza grave. Ciò si applica anche al personale ausiliario impiegato. Per i danni subiti non dall’oggetto della fornitura in sé (ad es. alle persone, alle cose e al patrimonio, diretti o indiretti, mancato guadagno, scarto di produzione, spese per fermo impianto) SCHAKO non è responsabile a meno che non sussista una violazione colposa a carico di SCHAKO, il titolare dell’azienda o gli organi di SCHAKO con premeditazione, dolo o negligenza grave. In caso di violazione colposa di obblighi contrattuali fondamentali, SCHAKO risponde anche in caso di negligenza grave di dipendenti con funzione non dirigenziale e per negligenza non grave risponde limitatamente al risarcimento del danno tipico contrattuale e ragionevolmente prevedibile. Il danno è in tutti i casi limitato al massimale di copertura dell’assicurazione di responsabilità civile dell’azienda. Lo stesso si applica anche per la responsabilità per difetti dell’oggetto della fornitura, quando trattasti di responsabilità ai sensi della legge sulla responsabilità del prodotto relativamente a danni alle persone o alle cose per beni a uso privato. Si escludono ulteriori diritti a richiedere risarcimento. Installando componenti SCHAKO in impianti esistenti, fare riferimento alla compatibilità indicata dal produttore dell’impianto. I problemi di compatibilità non ricadono nel campo di influenza di SCHAKO. SCHAKO osserva la legge sui salari minimi nell´edizione vigente.

X. Recesso

L’ordinante può recedere dal contratto, oltre che per esito negativo della riparazione e impossibilità di fornitura sostitutiva, anche quando si rende impossibile fornire la prestazione prima del passaggio del rischio. Lo stesso vale se, ordinando oggetti dello stesso tipo, diventa impossibile consegnare una parte della fornitura e l’ordinante dimostra il fondato interesse al rifiuto; negli altri casi è solo possibile ridurre la controprestazione. In caso di ritardo imputabile a SCHAKO e se il cliente concede un termine adeguato con l’espressa dichiarazione che, trascorso infruttuosamente tale termine, non accetterà più la prestazione ha diritto al recesso. Si escludono risarcimenti per danni o per danni consequenziali. Se durante il ritardo nell’accettazione sopravviene impossibilità o vi è colpa dell’ordinante, questi è obbligato a fornire una controprestazione.

XI. Utilizzo di software, produzioni speciali, tutela dei dati

I software messi a disposizione da SCHAKO sono soggetti a diritto d’autore. Al cliente viene concesso solo un diritto di utilizzo non esclusivo per l’uso contrattuale conforme alla destinazione d’uso. E’ vietato utilizzare più di un sistema. Sono vietate le traduzioni, le divulgazioni, le modifiche o la trasformazione del codice oggetto nel codice sorgente senza autorizzazione scritta. Tutti i diritti rimangono del fornitore. Non è ammesso concedere sottolicenze. Per le produzioni speciali indicate nell’ordine, SCHAKO concede garanzia di corretta esecuzione secondo lo schema e il disegno, lavorazione corretta e utilizzo di materiale comunemente reperibili in commercio, nonché per la sicurezza funzionale come da documentazione tecnica. Per il resto, si applicano le clausole di cui sopra anche alle produzioni speciali. SCHAKO salva i dati comunicati a scopo commerciale solo a scopo commerciale in sistemi di elaborazione elettronica dei dati e osserva le norme valide sulla tutela dei dati.

XII. Luogo di esecuzione, foro competente, diritto applicabile

Luogo di esecuzione di tutte le prestazioni di SCHAKO è la sede principale di Messkirch (foro competente per cause fino a 5.000,00 euro = AG Sigmaringen, per importi superiori = LG Hechingen). Ciò vale anche per i diritti di garanzia e la responsabilità di legge. Per tutte le controversie che nascono dal rapporto contrattuale, se l’ordinante è imprenditore, proprietario di azienda, persona giuridica di diritto pubblico o ente di diritto pubblico con patrimonio separato, le istanze sono da presentare alla corte distrettuale di Hechingen. SCHAKO ha tuttavia il diritto di citare il cliente anche presso il tribunale competente per la sua residenza. Si applica esclusivamente il diritto tedesco escludendo le leggi sulle compravendite internazionali di beni mobili (diritto commerciale UN) anche se la sede aziendale dell’ordinante è all’estero.

XIII. Varie ed eventuali, clausola compromissoria

ll trasferimento di diritti e di doveri dell’ordinante derivanti da contratti stipulati con SCHAKO necessita della nostra approvazione per essere valido. Se una delle clausole riportate sopra dovesse essere o divenire invalida, ciò non pregiudica la validità delle restanti clausole e quindi il negozio giuridico. In questi casi, le parti si obbligano ad applicare una clausola che tutela gli interessi delle parti secondo l’intento originario.

Stand: 03.2017